I PRINCIPI DELLA DOMOTERAPIA SOTTILE – prima parte

Questo è il primo di una serie di articoli che tratteranno dell’ influenza delle energie sottili all’ interno delle nostre case e dei modi per controllarle e gestirle per il benessere delle persone che le abitano. Di seguito si riporta una sintesi tratta dal libro “Energie Sottili” di Roberto Zamperini considerato unanimamente il più autorevole studioso della materia.

La Domoterapia sottile è la terapia della casa mediante energie sottili e può considerarsi una branca della Bioarchitettura. Il suo obiettivo è l’analisi delle energie sottili di una casa, di un appartamento, di un negozio, di un albergo, di una fabbrica, di uno studio medico o paramedico o di qualsiasi altro ambiente chiuso, con lo scopo di migliorare la qualità della vita, la salute ed il benessere dei suoi abitanti, dei clienti, dei lavoratori, dei pazienti.

La Domoterapia sottile parte dall’assunto che, se un ambiente non è stato costruito, studiato, arredato, disegnato nel modo, nelle forme e sul terreno adeguati, può diventare il luogo più subdolo di inquinamento e causa di malanni misteriosi, recidivi e apparentemente inspiegabili. Nella Domoterapia sottile hanno una gran parte le tecniche e gli strumenti (purtroppo pochi quelli che funzionano veramente), che risanano l’ambiente dal punto di vista sottile. Ovviamente la Domoterapia sottile può utilizzarsi prima della Costruzione per ottimizzare la situazione.

La Domoterapia sottile si basa essenzialmente su due principi:

1- La qualità dell’energia sottile in un ambiente è un fattore centrale nella diagnosi delle malattie dei suoi abitanti. Ambienti caratterizzati da energie neutrali o meglio armoniche determinano un generale stato di benessere nelle persone che vi abitano o vi lavorano, quelli caratterizzati da energie nocive tendono a causare malesseri e malattie. Ma questo è solo un principio generale. Le energie di una casa devono essere armoniche ed equilibrate per le persone che vi abitano. Se per esempio in una casa abita una persona molto Minus, il suo stato di salute peggiorerà molto, se nella casa sono attive energie Minus. Viceversa se una persona è Plus, la sua condizione di salute sarà aggravata da una casa Plus.

Non solo, ma un soggetto può essere equilibrato in gran parte dei suoi chakra, meno uno, ad esempio quello Basale. La sua casa è generalmente equilibrata, ma, in camera da letto e in corrispondenza della base del coccige, c’è un nodo Minus o in ogni caso un’irregolarità energetica Minus. Il soggetto, con grande probabilità, soffrirà allora d’anemia o di depressione o di qualche altra patologia corrispondente a questo stato di cose.

2- La qualità della circolazione dell’energia sottile negli ambienti chiusi è un fattore centrale per determinare la sua qualità. Siete mai entrati in una casa che vi ha dato un’indefinibile sensazione di soffocamento, come se vi mancasse l’aria? Oppure di un eccesso d’energia attivante, che vi ha reso irrequieti o nervosi? Pochi sono consapevoli che, in un ambiente chiuso, non solo è necessario che circoli l’aria in modo da mantenerla sempre pura, ma che esiste anche la necessità di una adeguata circolazione energetica. Un ambiente, come un organismo, ha bisogno di inspirare energia pulita e di espirare l’energia congesta e usata. Se in un ambiente chiuso soggiornano molte persone, diventano viziate sia l’aria per l’accumulo di anidride carbonica emessa dai loro polmoni, sia l’energia per l’accumulo di congestioni sottili. In altre parole, comincia a crearsi plasma tossico, che pian piano occupa tutti gli spazi e contamina il bioplasma delle persone. Il problema diventa grave quando:

  • – non è possibile per condizioni climatiche avverse aprire le finestre;
  • – anche aprendo le finestre, l’ambiente esterno è carico di congestioni;
  • – nella stanza è attiva una o più d’una causa di congestione sottile.

La quantità di energia congesta presente in una stanza può dipendere da molti fattori:

  • – dal livello di attività fisica o mentale delle persone che abitano nella casa,
  • – dal loro livello di salute e stato energetico,
  • – dal materiale costruttivo della casa,
  • – dalla presenza di apparecchiature,
  • – da come e dove sono costruiti balconi e finestre,
  • – dalla posizione degli ambienti rispetto al Nord magnetico,
  • – dall’eventuale attività di sorgenti telluriche nocive e molto altro ancora.

E’ evidente per esempio che se in casa c’è un malato la quantità di energia congesta sarà maggiore, che quando tutti gli abitanti sono in perfetta salute. Una casa, un appartamento, un ambiente devono essere concepiti in modo tale da permettere la circolazione dell’energia sottile, che deve essere studiata in modo da facilitare l’ingresso di energie pulite e la fuoriuscita di quelle congeste, problema purtroppo ancora largamente incompreso in Architettura e perfino in Bioarchitettura. Spesso gli architetti e i costruttori trovano soluzioni eleganti e apparentemente razionali, che si rivelano però vere calamità sotto l’aspetto delle energie sottili e della loro circolazione. Può succedere ad esempio che in un ambiente ci sia un’ottima circolazione d’aria, ma quella energetica sia pessima.

Le porte di entrata e di uscita della circolazione energetica e la posizione del letto. Ma come circola l’energia sottile in un ambiente chiuso? Ovviamente la porta di casa e soprattutto le finestre permettono all’energia pura dell’esterno (spesso, soprattutto in città, non tanto pura!) di rinnovare quella interna. Ma esiste anche una circolazione minore che riveste un’importanza spesso decisiva soprattutto nei mesi freddi, quando si aprono raramente le finestre. Questo è un problema che interessa soprattutto chi abita in climi freddi dove, per molti mesi l’anno, porte e finestre restano chiuse.

Nel disegnare lo schema di circolazione sottile di un appartamento non bisogna dimenticare naturalmente che i sensi dei due flussi di circolazione energetica planetaria sono da Nord a Sud e da Est ad Ovest.

Se in un appartamento non esistono aperture a Nord e a Sud la circolazione sarà difettosa e il plasma tossico presente tenderà ad accumularsi più facilmente. E’ noto che direzionando la testa del letto verso Nord si dorme meglio. Vi siete mai chiesti perché? Ecco due spiegazioni, una più ovvia, l’altra meno:

  • – con la testa al Nord i globuli rossi, con il loro contenuto di ferro, vengono attratti verso la testa e a ossigenano maggiormente;
  • – se dormite con la testa a Nord il flusso energetico sottile vi traversa a partire dalla testa verso i piedi. Così facendo il flusso (che, come ricorderete, è Minus) opera una sorta di pulizia delle congestioni portandosele via verso il basso, verso i piedi e i chakra inferiori meno sensibili di quelli superiori alle congestioni, soprattutto quelle Plus.

Pur ammettendo che la prima tesi contiene una sua verità, io propendo per la seconda. Dormire con la testa verso Nord è insomma una specie di pulizia bioplasmica notturna o, se si preferisce, una decongestione naturale. Ma, attenzione! Questo effetto positivo viene meno se:

  • – a Nord della nostra testa agiscono cause di congestione: radiatori, radiosveglie, lampade al neon e altri oggetti che emanano campi elettromagnetici o testate del letto metalliche, che hanno assorbito congestioni cosmo-telluriche;
  • – non è prevista una via d’uscita a Sud dell’energia congesta (una porta finestra parzialmente aperta, ad esempio);
  • – a Nord della nostra camera da letto c’è un malato.
Scrivi un commento

Ultimi articoli

Contatti

Strada San Gregorio, 24 Tivoli
Phone: 347 8887291
Website: http://www.sdstudioarchitettura.it
E-mail: info@sdstudioarchitettura.it
E-mail: arch.sterpin@sdstudiotivoli.it
Progettazione on-line: Progettare la casa